Archive for dicembre, 2016

Il contratto di agenzia nella giurisprudenza inglese: le indennità di preavviso e l’indennità sostitutiva di clientela secondo la High Court of Justice

Nel corso del 2016, la High Court of Justice of England and Wales, Queen’s Bench Division, ha pronunciato tre decisioni in tema di contratto di agenzia di particolare interesse. Tali pronunce, incentrate principalmente sul tema della determinazione del quantum dell’indennità suppletiva di clientela, forniscono un quadro chiaro, seppur sintetico, della normativa inglese che regola la questione, la Commercial Agents Regulations del 1993 (il cui testo si allega qui in copia), e dell’interpretazione che la giurisprudenza ne fornisce.

Con la prima pronuncia in esame, la High Court si è espressa sulla controversia tra l’agente “Alan Ramsay Sales & Marketing Ltd” e il preponente “Typhoo Tea Ltd”. La questione verteva sul mancato rispetto del periodo di preavviso, con conseguente richiesta da parte dell’agente del risarcimento dei danni, e sulla determinazione del quantum dell’indennità suppletiva di clientela. Questi argomenti sono stati anche l’oggetto della seconda controversia affrontata dalla Corte inglese, che vedeva contrapposti “The Software Incubator Limited” e “Computer Associates UK Limited”, dove il Giudice si è espresso altresì sulla questione concernente la portata applicativa delle norme inglesi in tema di agenzia. La terza controversia, poi, in essere tra “Mr. Monk, Inventabrand Consulting, Mr. Collins” e “Largo Foods”, oltre al tema dell’indennità suppletiva di clientela e l’indennità di preavviso, ha affrontato il rapporto tra l’indennità per i contratti conclusi dopo il termine del contratto di agenzia (Regulation 8) e l’indennità suppletiva di clientela (Regulation 17).

Di seguito pubblichiamo la sintesi dei casi sopracitati e delle relative decisioni della High Court of Justice.

Nicola Petito

Studio Tabellini

Sintesi pronunce High Court in tema di agenzia

Commercial Agents Regulations 1993 (UK)