Archive for giugno, 2017

La responsabilità solidale della banca in caso di ricorso abusivo al credito

Con la sentenza n. 9983 del 20 aprile 2017, la Corte di Cassazione si è pronunciata sul tema del ricorso abusivo al credito, affermando che l’istituto bancario che concede abusivamente credito ad una società in dissesto può essere considerato responsabile in solido con gli amministratori della società stessa.

Nel caso di specie, il curatore fallimentare aveva convenuto in giudizio gli amministratori della società fallita, che avevano continuato a ricorrere al credito nonostante l’evidente dissesto, e tre istituti bancari, ritenuti colpevoli per aver concesso abusivamente credito nonostante l’insolvenza della società.

Secondo la Suprema Corte, il ricorso abusivo al credito determina il travalicamento dei confini dell’accorta gestione imprenditoriale da parte dell’amministratore della società finanziata e, al contempo, ove sia stata accertata la perdita del capitale di questa, integra un illecito concorrente della banca. Gli istituti bancari, infatti, in ossequio all’art. 105 del Testo Unico in materia bancaria, devono seguire principi di “sana e prudente gestione valutando il merito di credito in base a informazioni adeguate”. Tale principio non può considerarsi rispettato ove una banca conceda credito ad una società nonostante la situazione di dissesto. L’istituto di credito, pertanto, può essere considerato responsabile nei confronti della società, in solido con i suoi amministratori, per il danno scaturente dall’attività illecita. La condotta della banca, infatti, correlata alla mala gestio dell’amministratore, può comportare un ritardo nell’emersione dell’insolvenza e determinare un aggravamento della situazione patrimoniale della società.

Nicola Petito

Studio Tabellini

Allegato: Cass. 9983-2017