Foreign judgements’ enforcement in U.S.A.: the opinion of the Court of Appeals for the Fifth Circuit

Will U.S.A. Courts enforce judgments obtained in other countries? In the recent DeJoria vs Maghreb Petroleum Exploration, S.A., – Mideast Fund For Morocco, Ltd case, the 5th Federal Circuit Court of Appeals discusses how U.S.A. Courts should review foreign judgments.

The case arose from a petition by two Moroccan  companies seeking to enforce in Texas a judgment rendered against John Paul DeJoria Texas citizen, major investor in an American company engaged in oil explorations and technology projects in Morocco. The suit to enforce, originally filed in a Texas national District Court, was transferred to a Federal District Court because of diversity of citizenship between parties.

The enforcement of foreign judgements in Texas is governed by the Texas Recognition Act., that establish a general  principle of recognition of foreign judegments, “conclusive between the parties” and “enforceable in the same manner as a judgement of a sister state that is entitled to full faith and credit.” There are also ten statutory grounds for non-recognition, available to the party seeking to avoid foreign judgment’s enforcement in Texas. The judgement debtor has to meet the burden of proof the existence of one of these grounds. ( Section 36.005-a and Section 36.005-b). Mr. DeJoria asserts that Moroccan judicial system does not provide due process and the Moroccan court lacked personal jurisdiction. These two grounds are both included in Section 36.005 list of non- recognition mandatory grounds, so the defendant asked to do not recognize the Moroccan judgement. Mr. DeJoria also indicated as a non-recognition ground the fact that  Morocco does not enforce Texas decisions. this “reciprocity” ground for do not enforce a foreign judgment in Texas is discretionary, but in some previous cases Federal Court decided not to recognize judgement in case of non-reciprocity (ex: Royal Bank of Canada vs Trentham Corp.).

Texas District Court was convinced by the evidence presented by Mr. DeJoria and refused to give recognition of the Moroccan judgment. The Morroccan parties appealed the decision to the Court of Appeals for the Fifth Circuit. The Court of Appeals reverses the District Court’s judgement, because the Texas Plaintiff does not discharge the burden of proof.

With decision no. 14-51022, on 30.9.2015, the Court of Appeal deals with a description of Moroccan judicial system, which does not lack sufficient independence such that fair litigation in the country is impossible. The Texas Recognition Act does not require a foreign judicial system that can assure the same rights to the parties as an American one. The judgement debtor, to avoid foreign judgement’s enforcement, must meet the high burden of proof that foreign judicial system totally lacks in impartial tribunals or procedures compatible with due process. The Court of Appeal describe some different cases, as Bank Melli Iran vs Pahlavi, dealing on an Iranian decision, or Bridgeway Corp. vs Citibank, a case about the recognition of a suit rendered during the Liberian Civil War by a Liberian Court. In both these cases, the lack of impartiality was evident and unbridgeable.

In Dejoria vs Maghreb Petroleum case, DeJoria did not proof the existence of a sufficient lack of impartiality in the Moroccan judicial system to justify the non-recognition of a Moroccan suit. In further contrast with Pahlavi case, there is no record evidence of anti-American sentiment in Morocco. And “Morocco’s judicial  system is not in a state of complete collapse”, as the Liberian one during Liberian Civil War, so the Moroccan judgements cannot be considered unenforceable as in Bridgeway case.

On the other hand, referring to the Texas Recognition Act’s provision on the  prohibition to enforce a foreign judgement if the foreign court did not have personal jurisdiction over the defendant, the Court of Appeal deals with the two components of personal jurisdiction: service of process and amenability to jurisdiction. In this case, there was service of process: DeJoria received actual notice of the Moroccan lawsuit. This fact, in the opinion of the Court of Appeal, meets the bare minimum requirements of notice sufficient to enforce a judgement. There was also amenability of jurisdiction: under the Moroccan law, if the defendants has not a domicile or residence in Morocco, jurisdiction lay proper at the domicile or residence of the plaintiff. As in the present case. And also Texas standard deals with these provisions.

Furthermore, the non-reciprocity was not proved in this case. Maghreb Petroleum Exploration and Mideast Fund For Morocco, on the contrary, have identified the relevant statutory provision under Moroccan law and offered expert testimony that Moroccan courts would recognize American judgements and have routinely recognized other foreign judgements. The non-reciprocity ground of Texas Recognition Act authorizes derogation to general principle of foreign judgements’ enforcement only  if the foreign State would not enforce the Texas judgements because they are rendered in Texas. Mr. DeJoria has not meet this burden, so the Court of Appeal could not refuse to enforce the Moroccan decision.

In conclusion, by this exhaustive explanation, the Court of Appeals pointed some important principles on recognition of foreign judgements in Texas. Even though this analysis deals with burden of proof’s distribution under the Texas Recognition Act, it  is very detailed and analytical, so it could be an interesting starting point for future cases of lawsuit on foreign decisions’ enforcement in the whole U.S.A..

Irene Moccia
Studio Tabellini

DeJoria vs M.P.E. – M.F.M. Case

Legge applicabile alle azioni revocatorie nell’ambito di procedure di insolvenza transfrontaliere

La Corte di Giustizia Europea è stata recentemente chiamata a chiarire quali siano le modalità di coordinamento delle diverse normative nazionali in caso di insolvenza transfrontaliera. Con la sentenza C-310/14 il giudice europeo si è pronunciato su una questione pregiudiziale posta dalla Corte d’Appello di Helsinki: in caso azioni revocatorie degli atti pregiudizievoli per la massa creditoria, qual è la legge applicabile?

Gli ordinamenti dei singoli Stati membri, infatti, presentano molte difformità, in materia di procedure concorsuali. Il Regolamento CEE 1346/2000, tuttavia, contiene una serie di principi comuni e stabilisce criteri uniformi di individuazione della legge applicabile alle diverse fattispecie che concretamente si pongono nel contesto di un’insolvenza transfrontaliera.

L’art. 4, par. 2, lett. m) del Regolamento afferma il principio della lex fori concursus: alla procedura di insolvenza transfrontaliera si applica la legge dello Stato nel quale tale procedura si apre.
L’art. 13 del medesimo Regolamento, tuttavia, stabilisce che la regola della lex fori concursus non si applica qualora il beneficiario dell’atto pregiudizievole per i creditori provi:

a)      che tale atto è soggetto alla legge di uno Stato contraente diverso dallo Stato di apertura
e

b)      che tale legge non consente, nella fattispecie, di impugnare l’atto con alcun mezzo.

Il caso concreto in merito al quale la Corte di Giustizia UE si è espressa riguardava l’esecuzione di un rapporto di franchising e gli effetti della procedura concorsuale aperta ai danni del franchisor.

Segnatamente, una società finlandese, legata alla Nike da un contratto di franchising regolato da diritto olandese, aveva pagato il prezzo delle scorte di magazzino. Apertasi una procedura di insolvenza nei suoi confronti, la massa fallimentare aveva agito avanti al giudice finlandese per la declaratoria di inefficacia di quei pagamenti in ossequio alla legge finlandese.
La Nike si era difesa  eccependo l’inapplicabilità al caso concreto della legge finlandese e osservando, che in forza di espresso richiamo contrattuale il rapporto era regolato dalla  legge olandese. Il Tribunale finlandese, tuttavia, aveva respinto questa eccezione, aveva fatto applicazione della legge finlandese e in forza di essa aveva revocato i pagamenti. Nike ha  appellato la sentenza di fronte alla Corte d’Appello di Helsinki, che si è rivolta alla Corte di Giustizia per risolvere la questione pregiudiziale di interpretazione del Regolamento CEE 1346/2000 sulle insolvenze transfrontaliere.

Con la pronuncia del 15.10.2015, la Corte di Giustizia Europea ha chiarito che “l’art. 13 del Regolamento 1346/2000 mira a tutelare il legittimo affidamento di chi ha beneficiato di un atto pregiudizievole per la massa dei creditori, prevedendo che tale atto rimarrà disciplinato, anche dopo l’apertura di una procedura di insolvenza, dal diritto che era ad esso applicabile alla data in cui tale atto è stao realizzato, ossia la lex causae. Il giudice europeo ha perciò ribadito che, in caso di azioni revocatorie collegate a procedure di insolvenza trasnfrontaliere, l’applicazione dell’art. 13 del Regolamento CEE 1346/2000 è assoggettata alla condizione che l’atto in questione non possa essere impugnato sul fondamento della legge applicabile a tale atto (lex causae). Nel caso in questione, dunque, la Corte ha ritenuto applicabile la lex causae, ossia la legge olandese.

La sentenza C-310-14, inoltre, ha consentito alla Corte di Giustizia di chiarire il regime degli oneri probatori in simili circostanze: incombe sul resistente l’onere di dimostrare che l’atto di cui si chiede la revoca non è in alcun modo impugnabile ai sensi della lex causae. Il ricorrente ha facoltà di prova contraria soltanto con espressa autorizzazione del giudice nazionale, il quale può ammettere tale allegazione solo ove ritenga che il resistente abbia sufficientemente dimostrato l’impossibilità di impugnare l’atto in questione alla luce della normativa ad esso applicabile. Nell’assolvere al proprio onere probatorio, il resistente deve fare riferimento alla lex causae nel suo complesso: dunque non soltanto alle disposizioni di diritto sostanziale in materia di procedure concorsuali, ma anche alle norme di procedura.Sentenza C-310_14 CGE

 

Irene Moccia
Studio Tabellini

Responsabilità dell’amministratore residente all’estero – Giurisdizione

La Corte di Giustizia U.E. con la Sentenza 10 settembre 2015 – causa C-47/14 si è pronunciata sull’interpretazione del regolamento n. 44/2001, (ora regolamento 1215/2012) nell’ambito di una causa avente ad oggetto la domanda di risarcimento del danno proposta da una società con sede nei Paesi Bassi e dalle tre società controllate con sede in Germania, nei confronti del loro ex direttore e amministratore.

La Corte di Giustizia ha preliminarmente rilevato la necessità di qualificare il rapporto che lega l’amministratore alla società, qualificazione che deve essere operata con riferimento al diritto dell’Unione e non a quello nazionale.

Sul punto, ha affermato che occorre verificare, nel caso di specie, se il convenuto, nella sua qualità di  direttore e di amministratore “abbia fornito, per un certo periodo di tempo, a favore della società e sotto la direzione di quest’ultima, prestazioni in contropartita delle quali abbia ricevuto una retribuzione”.

 In tal caso, infatti, sussistendo un rapporto di lavoro ai sensi dell’art. 18, par. 1 del regolamento n. 44/2001, occorrerebbe applicare le regole sulla competenza previste al capo II, sezione 5, regolamento 44/2001.

La Corte ha poi rilevato che ove il giudice del rinvio non riscontri le suddette caratteristiche, “si può ritenere che [ il rapporto che lega la società all’amministratore e direttore] abbia natura contrattuale e, conseguentemente, l’azione promossa dalla società contro il suo ex amministratore – a causa dell’asserita violazione del suo obbligo di svolgere correttamente le funzioni su di lui incombenti in forza del diritto societario – rientri nella nozione di ‘materia contrattuale’ ai sensi dell’art. 5, punto 1, del regolamento n. 44/2001”.

Ai fini della competenza, in questo caso, “il giudice del rinvio deve determinare quale sia il luogo in cui l’amministratore ha effettivamente svolto, in misura prevalente, le proprie attività in esecuzione del contratto, a condizione che la prestazione dei servizi nel luogo considerato non sia contraria alla volontà delle parti quale risulta dagli accordi tra le stesse”.

Ove, infine, la società citi “in giudizio il suo ex amministratore per condotta asseritamente illecita, l’art. 5, punto 3, del regolamento n. 44/2001 dev’essere interpretato nel senso che tale azione giudiziale rientra nella materia degli illeciti civili se la condotta contestata non può essere considerata come una violazione degli obblighi di diritto societario incombenti sull’amministratore, profilo che spetta al giudice del rinvio verificare.”Sentenza Corte di Giustizia U.E. 10 settembre 2015

Fallimento – Facoltà di scioglimento del contratto preliminare ex art. 72 LF-Esercizio da parte del curatore del promittente venditore – Limiti: trascrizione domanda giudiziale ex art. 2932 c.c.

La Corte di Cassazione a Sezioni Unite con la pronuncia n. 18131 del 16.09.2015, a risoluzione di contrasto, ha affermato che il curatore fallimentare del promittente venditore non può esercitare la facoltà di scioglimento del preliminare ex art. 72 L.F. nei confronti del promissario compratore il quale abbia trascritto prima della dichiarazione di fallimento una domanda ex art. 2932 c.c. successivamente accolta con sentenza trascritta.

Le Sezioni Unite hanno quindi confermato il loro orientamento già espresso con la pronuncia n. 12505 del 2004, da cui si erano invece discostate le Sezioni semplici della Corte di Cassazione e la giurisprudenza di merito (Cass. nn. 24936/10, 20451/05, 28479/05, 46/06, 542/06, 33/2008, 17405/09, Corte di Appello Napoli 17.05.10, Banca Dati pluris Cedam, Trib. Treviso Sez. Montebelluna, 12/2/2010, in Contratti, 2010, 795 e ss e Tribunale Milano 8/06/2012 in Fallimento, 11/2012, p. 1389).

Pubblichiamo la Sentenza della Corte di Cassazione a Sezione Unite n. 18131 del 16.9.20152932 fall. S.U. 2015